Eravamo lì, a ciaspolare su una manto nevoso che si era appena posato sui faggi, sul pendio, sulle rocce. Una esperienza spettacolare, quasi mistica. il silenzio ci ha accompagnati per tutto il tempo, il vento ha sferzato senza darci fastidio ma producendo dei suoni melodiosi… i suoni della natura. Le montagne con i loro pendii e le loro vallate, con le cime e le creste, con i boschi rigogliosi e le rocce nude, sanno regalarci momenti unici, magici; momenti da vivere intensamente e da portare dentro di noi come un tesoro. Il nostro gruppo, disciplinato e rispettoso, si è arricchito di questa esperienza, ha percepito la maestosità e il mutare degli scenari in pochi minuti. La neve candida, poggiata su lastroni di ghiaccio, a volte può spaventare colui che scivola… l’accompagnatore ha la responsabilità di riportare la calma, la tranquillità, ha la responsabilità di trasmettere il rispetto per la montagna, per il silenzio che essa ci offre. Il Monte Sirino di Lagonegro,  un’esperienza unica, per pochi audaci… per pochi eletti.